Autostima o capacità?

Autostima e lavoro

In quasi tutti i colloqui di lavoro che ho affrontato mi si chiedeva di auto-valutarmi: “Com’è il tuo inglese?” oppure “Sapresti fare questo o quello?”

Io ho sempre trovato questa cosa impossibile da fare: non posso valutare me stesso, in quanto non posso esserne capace.

Lascio a qualcun altro il compito di valutarmi; solo qualcuno di più competente può dirmi dove arriva la mia capacità nello svolgere un compito o la mia conoscenza di qualche materia.

Capisco che dal punto di vista del datore di lavoro, o di chi deve assumersi l’onere di decidere se una persona vale oppure no l’assunzione, sia difficile – se non impossibile – fare una scelta.

A parte il proverbiale passa-parola, dove ci si affida – più o meno credendoci – alla valutazione di conoscenti comuni, l’unica maniera sarebbe affidarsi all’apposito periodo di prova, ma anche questo espediente può lasciar molto a desiderare, visto che tanto più il nuovo ambiente è complesso, tanto più lungo dovrebbe essere il periodo di inserimento.

Continua a leggere

Il bianco in sovrastampa

sovrastampa bianco Adobe Illustrator

Il problema del bianco in sovrastampa è da sempre un problema in Adobe Illustrator.

Ne sa qualcosa chi lavora in prestampa, mentre solitamente i grafici di primo pelo non hanno la minima idea nemmeno di cosa significhi sovrastampa, tanto più se applicata al bianco.

La sovrastampa applicata ad oggetti bianchi li rende totalmente invisibili o trasparenti.
Già il fatto che Illustrator permetta una bislaccheria simile la dice lunga sulle politiche di Adobe, ma non voglio parlare di questo.

Per fortuna Illustrator medesimo ci da una soluzione, che consiste nello strumento per applicare in batch la sovrastampa al nero.
Infatti questa funzione consente anche di rimuovere la sovrastampa, non solo di applicarla!

Continua a leggere

Come convertire FLAC in MP3

Convertire da FLAC a MP3

Vi siete scaricati illegalmente dei file audio con estensione FLAC e ora non sapete cosa farci?

Volete convertire uno o molti file FLAC in MP3??

Se usate Mac OsX, il programma più semplice in assoluto che ho scovato in rete per convertire file FLAC in file MP3 si chiama MAX.

Max è un’applicazione per la creazione di file audio di alta qualità in vari formati, da CD o file.

Nel il ripping da CD Max offre il massimo in termini di flessibilità per garantire il vero suono del CD. Max offre un ripper velocissimo e senza correzione degli errori per il ripping audio di massima qualità. Funziona egregiamente anche in casoo di CD danneggiati.

Una volta che l’audio è estratto, Max in grado di creare file audio in oltre 20 formati compressi e non compressi, tra cui MP3, Ogg Vorbis, FLAC, AAC, Apple Lossless, WavPack, Speex, AIFF e WAVE.

Continua a leggere

Dividere PDF A3 in A4

Dividere PDF A3 in A4 pagine singole

Situazione: avete in mano un PDF di un giornale o una rivista, con le pagine affiancate incollate assieme, e volete dividerle in pagine singole.

Può essere la scansione di un giornale o di una rivista – scansionata aperta sullo scanner – oppure lo studio grafico ve lo ha fatto così, esportandolo dal programma di origine con le pagine affiancate.

Per comodità voi preferireste avere il PDF con le pagine non affiancate, ma con le pagine singole separate fra loro; magari perché volete stampare una pagina solamente, o per 10 altri motivi.

Continua a leggere

Quando ti rubano la password…

linkedin violato

Cari miei, è successo ancora!
Qualcuno ha fatto breccia nel database degli account di un sito molto usato, ed ha rubato indirizzi email e relative password di accesso!

La notizia più recente riguarda LinkedIn, a cui sono stati sottratti i dati relativi a oltre 164 milioni di utenti. Fra questi ci sono pure io! …e potresti esserci anche tu!

Il fatto purtroppo è addirittura vecchio di 4 anni, essendo successo nel 2012!

Pochi giorni dopo la notizie del furto di credenziali da Linkedin, è stata pubblicata quella relativa al furto di password di utenti MySpace!
In questo caso il furto era del 2008 – anche se i dati sono stati resti pubblici sono nel 2016 – e riguarda quasi 360 MILIONI di utenti, facendo di questo ‘data-breach’ il più grosso in termini di utenti coinvolti!

…ma come difendersi da questi eventi?

Continua a leggere