Caffeina contro zucchero


L’eccesso di zucchero presente in alcune bevande “energetiche” annulla in breve l’effetto stimolante della caffeina.
Per scacciare il sonno meglio un caffè amaro e un pisolino.

Il rimedio più classico per scacciare il sonno è il caffè, ma da qualche tempo sono in commercio svariate bevande che si propongono come energetiche e hanno un certo contenuto di caffeina.

Attenzione però: il loro effetto “risvegliatore” potrebbe non esserci.
Da uno studio condotto presso il Centro di ricerca sul sonno dell’Università di Loughborough, in Gran Bretagna, risulta che se la bevanda contiene troppo zucchero l’effetto della caffeina diventa trascurabile.

Nel loro esperimento, descritto sull’ultimo numero di “Human Psychopharmacology” hanno somministrato a due gruppi di volontari – che il giorno precedente aveva potuto dormire solo 5 ore – due diverse bevande: o un soft drink “energetico” (45 grammi di zucchero + 30 milligrammi di caffeina) o una bevanda analoga ma priva di zucchero.

Successivamente li hanno sottoposti a 90 minuti di test, noiosi ma atti a valutare la loro capacità di concentrazione. Per i primi 30 minuti fra i due gruppi non si sono rilevate differenze nei tempi di risposta e negli errori commessi, ma dopo 50 minuti le prestazioni di quelli che avevano assunto anche lo zucchero iniziavano a calare significativamente.

“Un picco glicemico – ha spiegato Jim Horne, che ha diretto la ricerca – non è la cosa migliore per combattere il sonno. Meglio evitare quindi le bevande con troppo zucchero, e concedersi una bevanda con maggior quantità di caffeina e poco zucchero, magari dopo un pisolino.”

fonte: http://www.lescienze.it/index.php3?id=12428

Un pensiero su “Caffeina contro zucchero”

  1. 25 Settembre 2008

    Sempre piu’ diffusi soprattutto tra i giovanissimi, alcuni energy drink contengono tanta caffeina quanta ce n’e’ in 14 lattine di Coca Cola, ma non ne riportano bene evidenziato sull’etichetta il contenuto, ne’ il rischio di intossicazione insito nel loro consumo. A puntare il dito contro il dilagare di queste bevande evidenziandone i potenziali pericoli e’ Roland Griffiths della Johns Hopkins University di Baltimora, in un articolo sulla rivista ‘Drug and Alcohol Dependence’: e’ come se si servisse una bottiglia di alcool senza dire se si tratta di birra o rum. L’intossicazione da caffeina ha sintomi ben precisi che vanno dal nervosismo all’ansia, dall’insonnia ai disturbi gastrointestinali, tremori, tachicardia; in rari casi puo’ essere fatale. Gli energy drink hanno conquistato un’ampia fetta di mercato che negli Stati Uniti e’ di 5,4 miliardi di dollari e cresce al ritmo del 55% l’anno. I maggiori consumatori sono giovani e giovanissimi, attratti dalle ‘virtu’ con cui vengono pubblicizzati, cioe’ come stimolanti e miglioratori di performance. Molti giovani hanno preso l’abitudine di bere gli energy drink in pericolosi mix con bevande alcoliche, col rischio di avere una falsa percezione della propria lucidita’, per esempio alla guida. In realta’ i pericoli legati al consumo di energy drink non sono trascurabili: il loro contenuto in caffeina puo’ variare da un minimo di 50 a oltre 500 milligrammi, un’enormita’ se si pensa che una lattina di Coca Cola ne contiene 35 milligrammi e una tazza di caffe’ dagli 80 ai 150. Inoltre i centri Usa che ricevono le segnalazioni di avvelenamento hanno ricevuto numerosi rapporti su intossicazione da caffeina per consumo di energy drink. Sarebbe necessario, conclude Griffiths, rendere piu’ trasparente il sistema di etichettatura di queste bevande con evidenziati i rischi del consumo, come pure mettere un freno ai loro nomi, che spesso ricordano queli di droghe o stimolanti.

    fonte: http://www.aduc.it/dyn/salute/noti.php?id=234217

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.

You can add images to your comment by clicking here.