Una patata OGM per l’India

Potrebbe svolgere un ruolo importante nell’ambito del piano del Governo per fornire acqua pulita, cibo migliore e vaccini.

Una patata modificata geneticamente e ricca di proteine potrebbe aiutare a combattere la malnutrizione che ancora affligge buona parte della popolazione dell’India. I suoi sviluppatori dicono che la “protata,” come è stata battezzata, potrebbe svolgere un ruolo importante nell’ambito del piano di 15 anni del Governo indiano per fornire acqua pulita, cibo migliore e vaccini. La patata è stata messa a punto presso la Jawaharlal Nehru University di Nuova Delhi e descritta dalla rivista “New Scientist”.

Alle normali patate è stato aggiunto un gene chiamato AmA1, proveniente dall’amaranto, un albero sudamericano. Grazie a questo gene, la protata produce circa il 30% in più di proteine e, in particolare, grandi quantità degli aminoacidi essenziali lisina e metionina. Una mancanza di lisina è estremamente dannosa per i bambini e può influenzare lo sviluppo del cervello.

Al momento la patata viene sottoposta agli ultime verifiche e presto verrà richiesta l’approvazione ufficiale per l’inizio della produzione.
Non si tratta comunque del primo prodotto OGM arricchito di proteine. Un mais arricchito di proteine è già stato prodotto, mentre la farina del pane può essere arricchita naturalmente aggiungendo farina di noccioline. Govindarajan Padmanaban, parte del gruppo ideatore della protata, si augura ora che i gruppi ambientalisti occidentali non la critichino, come fecero con il golden rice, sviluppato dall’AstraZeneca per produrre più vitamina A.

“Le necessità dei paesi in via di sviluppo – dice Padmanaban – sono molto diverse da quelle dei paesi ricchi. Penso che sarebbe moralmente indifendibile opporsi alla protata.” In particolare, in un Paese in cui la maggior parte della popolazione è vegetariana, la protata offre l’indubbio vantaggio di rappresentare una fonte di proteine economica, al contrario dei legumi, che sono scarsi e costosi.

 http://www.lescienze.it/index.php3?id=6536

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.

You can add images to your comment by clicking here.