Una soluzione alle infiammazioni acute?

Sperimentati con successo in laboratorio gli inibitori CDK, già utilizzati contro i tumori; il successo del test deve ora essere validato con trial sull’essere umano.

Sono stati sviluppati per il trattamento dei tumori, ma hanno dimostrato la loro efficacia – secondo quanto riporta la rivista “Nature Medicine” – anche nella riduzione dell’infiammazione a carico di polmoni, articolazioni e altri organi e apparati del corpo: sono gli inibitori CDK, sperimentati con successo dai ricercatori dell’Università di Edimburgo.

Tali farmaci, infatti, agiscono scatenando il processo di apoptosi – il “suicidio” programmato – dei neutrofili, un tipo di globuli bianchi implicati nella risposta infiammatoria, prima che vengano rimossi dai macrofagi.

I test di laboratorio sembrano suggerire una significativa riduzione dell’infiammazione in modelli di patologie serie come l’artrite reumatoide e l’alveolite fibrosante.

Secondo Chris Haslett, a capo del Queen’s Medical Research Institute dell’Università di Edimburgo, il risultato aprirebbe le porte a trial sperimentali sull’uomo, un’opportunità, questa, sottolineata anche dal suo collega Adriano Rossi, che ha condotto direttamente lo studio: “Si aprono nuove prospettive per il trattamento di gravi patologie infiammatorie per le quali attualmente le armi sono poche e consistono principalmente nell’utilizzazione di steroidi.

La nostra è una strategia diversa e utilizza farmaci non biologici, e merita di essere valutata urgentemente da programmi di ricerca sull’essere umano.”

http://www.lescienze.it/index.php3?id=12554

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.

You can add images to your comment by clicking here.