Rame cruciale per il cervello

Regolando la plasticità sinaptica, influisce sulla capacità di apprendere e ricordare; utilizzando topi e ratti, si è potuto riscontrare come la proteina Atp7a trasporta il rame verso le sinapsi neurali

Il flusso di rame nel cervello riveste un ruolo finora non riconosciuto nella morte cellulare, nonché nei meccanismi di memoria e di apprendimento, almeno secondo quanto esposto dai ricercatori della Washington University School of Medicine in St. Louis.

I risultati della loro ricerca suggeriscono che l’elemento e la sua proteina trasportatrice la Atp7a, sono vitali per il pensiero umano. Essi hanno suggerito che variazioni nel processo di codifica dei geni per l’Atp7a, così come di altre proteine che permettono l’omeostasi del rame, potrebbero rendere conto, almeno in parte, delle differenze intellettive tra individui.

Utilizzando topi e ratti, si è potuto riscontrare che la proteina Atp7a trasporta il rame verso le sinapsi neurali. In tali siti gli ioni metallici influenzano importanti componenti che fanno sì che le connessioni siano più o meno deboli. La plasticità sinaptica – detta in termini esatti – influisce a sua volta sulla nostra capacità di ricordare e apprendere.

“Perché non pensiamo cento volte meglio di quanto facciamo?”, ha commentato Jonathan Gitlin coautore dell’articolo apparso sulla rivista “Proceedings of the National Academy of Sciences”.

“Una possibile risposta è che il cervello non stabilisce le giuste connessioni. Ciò che abbiamo trovato è che il rame modula eventi molto critici all’interno del sistema nervoso centrale e ciò influenza il modo in cui pensiamo.”

© http://www.lescienze.it/index.php3?id=12645

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.

You can add images to your comment by clicking here.