Book on-demand: non puro marketing ma reale opportunità di business!

Tante volte abbiamo sentito aziende di spicco riempirsi la bocca con il concetto del “book on-demand” e ci siamo chiesti chi realmente si dedicasse alla produzione di libri e volumi in pochi pezzi. Beh, abbiamo indagato e abbiamo scoperto che, pur con differenti percezioni, numerose realtà operano con profitto in tale segmento.

C’è che ne ha fatto il core-business, chi lo ha affiancato alla stampa di produzione vera e propria e chi vi sta investendo grandi risorse: molti sono i punti di vista sull’applicazione del book on-demand ma stampatori tradizionali, digital printers e print shop si sono tutti aperti, in diverse misure, a tale servizio.

L’offerta di un numero limitato di volumi, prodotto con rapidità e con una qualità sempre più competitiva, è infatti un’opportunità oggi apprezzata e richiesta da una clientela vasta e variegata.

Editori che non vogliono fronteggiare il problema di eccessive copie invendute, autori esordienti che desiderano un numero limitato di pezzi della propria opera per farsi conoscere, docenti e professionisti che necessitano di pochi volumi di dispense e relazioni da utilizzare in occasione di seminari e convegni, o ancora case editrici e scrittori che richiedono ristampe di vecchi volumi.
Questi sono solo alcuni fruitori del book on-demand […]

fonte: Isabella Schiavi, da Italia Publishers Magazine (aprile 2006)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.

You can add images to your comment by clicking here.