Il PM10 favorisce la trombosi venosa profonda

avoicewithinme

L’esposizione a lungo termine al particolato fine presente nell’atmosfera inquinata aumenta considerevolmente il rischio di trombosi venosa profonda, oltre che di altre patologie cardiocircolatorie e respiratorie. Lo afferma una ricerca diretta da Andrea Baccarelli, dell’Università di Milano e della Harvard School of Public Health, pubblicata sull’ultimo numero della rivista JAMA.

Lo studio – che è stato fatto con il finanziamento della Fondazione Cariplo e della Regione Lombardia – è stato condotto su 870 pazienti lombardi colpiti da trombosi venosa profonda e su 1210 soggetti di controllo, che sono stati assegnati a nove differenti aree di soggiorno, per le quali sono state valutati i livelli di concentrazione media per metro quadrato del particolato fine (PM10) nel corso dell’anno precedente alla diagnosi della patologia o della presa in carico nello studio (per i soggetti di controllo).

Dallo studio risulta che, dopo aver pesato gli indici sulla base degli altri fattori ambientali e sanitari, per ogni aumento di 10 microgrammi per metro quadrato di particolato, il rischio di trombosi venosa profonda aumenta del 70 per cento. Inoltre, quando il sangue dei soggetti esposti sperimentalmente a elevati livelli di particolato mostra la tendenza a coagulare più velocemente. L’associazione fra esposizione al particolato e formazione di coaguli era più forte per gli uomini che per le donne, e spariva per le donne che assumevano contraccettivi orali o terapia ormonale.

“Queste terapie ormonali sono fattori di rischio indipendenti per la trombosi venosa profonda, cosa confermata anche in questo studio dalla più elevata prevalenza fra i pazienti, rispetto ai soggetti di controllo, del ricorso a contraccettivi orali e ormoni”, scrivono i ricercatori.

“Data l’entità degli effetti osservati e l’ampia diffusione del particolato inquinante, la nostra ricerca introduce un nuovo e comune fattore di rischio nella patogenesi della trombosi venosa profonda e, allo stesso tempo, dà ulteriore sostanza alla richiesta di standard più rigorosi e di un aumento degli sforzi volti a ridurre l’impatto degli inquinanti atmosferici sulla salute umana”, ha osservato Andrea Baccarelli. (gg)

fonte: http://lescienze.espresso.repubblica.it/articolo/articolo/1329968
 photo credit: renedepaula

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.

You can add images to your comment by clicking here.