Freddure (vecchiotte ma buone)

Freddure (vecchiotte ma buone) , pensieri  , yo

Un elefante dice ad un cammello: come mai hai le tette sulla schiena?
E l’altro: ma dimmi tu se me lo deve dire uno col ca**o sulla faccia!

Un bambino cinese chiede alla mamma: Mamma, che sono i floci?
Sono pelsone malate
Malate glavi?
Inculabili

Fra amiche.
Marisa, ma come hai fatto ad arrivare vergine al matrimonio?
Culo, tanto culo!

Cappuccetto rosso incontra il lupo nascosto dietro un cespuglio con gli occhi sgranati.
Che occhi grandi che hai! gli dice, e lui: Provace te a cacà la tu nonna!

Papà ho avuto il mio primo rapporto sessuale.
E bravo il mio ometto! A quando il prossimo?
Quando mi sarà passato il bruciore al culo!

Il dottore al paziente: Incredibile, lei ha un testicolo di legno e uno di ferro! Non ha mai avuto problemi?
No, ho due figli stupendi, Pinocchio va a scuola e Mazinga all’asilo!

Notizie Ansa: La Scottex è in grave situazione economica.
Aiutala…
Vai a cagare!

Totti sulle Dolomiti.
Ad un certo punto vede un cartello con scritto: Qui comincia la neve perenne e lui: Grazie ar cazzo! Anche a Roma la neve
comincia per “enne”!

Un pesciolino rosso entra in mare, incontra un altro pesce e gli chiede:
Scusa, come si fa a scopare?
Non chiederlo a me, io sono il pesce sega!

Totti e Delpiero.
Delpiero: Cazzo mi hanno bocciato all’esame cepu perché non sapevo il nome di Volta!
Totti: Ma come, non c’o sai che se chiama Giontra?

Un ragazzo invita una ragazza a casa sua.
Dopo averla fatta accomodare le dice: Vuoi del whisky?
E lei: Beh, un dito
E lui: Non vuoi prima il whisky?

Totti è disperato: Oddio è morto er nonno! Stava a giocà a briscola…
Collasso?
E che ne so, mica me so messo a guardaje ‘e carte…

Se sei muto ridi con gli occhi, se sei muto e cieco
ridi con il corpo, se sei muto cieco e storpio… Che ca**o ridi?

Un cesso dice all’altro: Perché sei triste?
Sono due giorni che nessuno mi caga!

Un bambino chiede alla zia: Zia, zia, perché non hai bambini?
E lei: Perché la cicogna non me li ha portati.
Cambiare uccello no?

Una vecchietta chiede a un passante: Scusi per andare in cimitero dove lo devo prendere l’autobus?
E lui: In pieno…

Messaggio di benvenuto al convegno internazionale di donatori di sperma:
“Innanzitutto grazie di essere venuti!”

Un signore passeggia per strada e vede un cane con un semaforo in culo.
Domanda al proprietario: Scusi, ma che cane è?
E’ un incrocio.

Due pipistrelli a testa in giù.
Uno chiede all’altro: Qual’è stato il giorno peggiore della tua vita?
E l’altro: Quando mi è venuta la diarrea.

Totti per Natale riceve in dono un libro.
Lo apre e trova scritto: Sommario e lui: Piacere, Soffrancesco!

Saddam Hussein rivolto a Bush: Perché in Star Trek non ci sono personaggi arabi?
E Bush: Perché è ambientato nel futuro!

Una ragazza vede Totti con in braccio un bellissimo gatto.
Gli chiede: Che bel gatto! E’ maschio o femmina?
E Totti: Aho! E’ maschio nun vedi che c’ha i baffi?

Come ti chiami?
Lululululululuigi.
Sei balbuziente?
No, lo era mio padre e quello dell’anagrafe era un gran bastardo!

Altri sono arrivati qui cercando:
freddure sui cinesi, freddure sulla neve, FREDDURE CINESI, freddure, freddura reni, freddure sul vino, un giorno di marzemino.

7 pensieri su “Freddure (vecchiotte ma buone)”

  1. ‘Giùan, mi capisi no! Te ghet 30 an e mai una tusa insèma!
    Ma la te pias minga la Maria , la tusa del prestinè?’ ‘No mama, la Mari la me pias no’ ‘Ma mi capisi no! ? E la Cinzia la tusa del farmacista?’ ‘No mama, quela li la me fa schivi.’ ‘E la Gina , la tusa del feramenta?’ ‘ No mama, la Gina la me pias no. Mama, a mi me pias el Rocco, el paruchè.’
    ‘ROCCO ?!?! Ma quel li l’è un terùn!!!’

    In un paesino montano della Lombardia c’e’ solo un toro, di proprietà di un contadino, e tutti devono pagare questo contadino per far coprire le loro vacche dal toro.
    Un giorno, in consiglio comunale, si vota di comprare il toro del contadino e farne un bene pubblico. Tirando il prezzo per giorni, riescono alla fine a comprare il toro dal contadino, ma quando si tratta di montar vacche, il toro non alza un dito, zero. Disperati, i contadini e il sindaco vanno dal vecchio padrone del toro e gli chiedono come mai non tromba, pardon, non copre le vacche. Questi se ne va a vedere il toro e lo trova nel suo recinto che bruca tranquillo.
    “Ue’, toro” gli dice “Perchè non trombi più?” E il toro gli fa “Ue’, pirla, adesso sono impiegato comunale! Sticazzi che lavoro!”

  2. Poesia vinicola

    Un giorno di marzemino,
    al primo chiaretto dell’alba,
    camminavo nella champagne dell’oltrepò pavese,
    in mezzo al nebbiolo.
    Il tempo era un inferno,
    il cielo verdicchio tendente al grignolino.
    Mi riparai sotto un pinot
    e lì incontrai una soave donna fugata
    che aveva un vestito molto rosè.
    Non essendo recioto,
    tutto spumante,
    le diedi un dolcetto bacio
    sul bianco collio e,
    senza sfurzat,
    le toccai la barbera della bonarda.
    Subito il mio merlot,
    che non è ancora passito,
    venne durello come un cannonau,
    ma lei non volle che andassi otre….
    Deluso e rosso di borgogna,
    le dissi: “chardonnay moi, madame”.
    E con l’amarone in bocca
    e un groppello in gola,
    mi arrangiai da solo.
    E sauvignon de brut…

  3. Berlusconi va da Montezemolo sulla pista di Fiorano per complimentarsi, e pretende di fare un giro su una F1. Al primo giro vola fuori pista ad altissima velocità.
    Partono i soccorsi nel campo vicino, ma del Berlusca nessuna traccia. Vicino all’auto nessun corpo da soccorrere.
    Più in là un contadino con la vanga dice: “Sembrava morto, quando mi sono avvicinato ha aperto gli occhi e ha detto che non si era fatto niente, solo un grande spavento, ma conoscendo le balle che racconta l’ho sepolto ugualmente.”

  4. Una sera una coppia era a letto quando la donna sentì che suo marito incominciava ad accarezzarla come non lo faceva più da molto tempo.
    Incominciò a sfiorarle il collo, poi scese giù nella schiena fino ai reni. Le accarezzò le spalle e i seni e si fermò esattamente sul pube. Poi spostò lentamente la sua mano verso l’interno della coscia destra e poi ancora su sul fianco fino a sfiorare il seno e poi giù delicatamente fino al polpaccio.
    Fece la stessa cosa dall’altra parte e ad un certo punto si fermò bruscamente e senza dire niente accese la televisione.
    Siccome tutte le carezze avevano fatto un certo effetto, la moglie chiese amorevolmente: “Caro, è stato meraviglioso, perché ti sei fermato?”
    Risposta: Ho trovato il telecomando

  5. Due amiche dopo aver convinto i mariti, riescono ad uscire a cena da sole per svagarsi un po’.
    Fra una chiacchiera e l’altra e dopo due bottiglie di buon vino, lo champagne, i limoncelli e qualche amaro, si fa tardi e decidono di tornare a casa.

    Completamente ubriache escono dal ristorante e mentre camminano nella notte sentono l’impellente bisogno di fare pipì, una dice: entriamo in quel cimitero, lì non ci vedrà nessuno.
    Così la prima si sfila le mutandine, fa una pisciata epocale e usa gli slip per asciugarsi, poi li butta; l’altra che porta biancheria intima firmata alla quale tiene molto, si sfila le mutandine le mette in tasca e stacca un nastro da una corona di fiori per asciugarsi.

    La mattina dopo il marito della prima telefona all’altro dicendo: sono un uomo distrutto, mia moglie è tornata alle 5 di mattina, ubriaca fradicia e senza mutande, l’ho cacciata di casa.
    L’altro risponde: non dirlo a me, la mia è tornata ubriaca, senza mutande e con una coccarda rossa infilata nel culo con su scritto: NON TI DIMENTICHEREMO MAI: PINO, LUCIO, ANTONIO, GINO E TUTTI GLI AMICI DELLA PALESTRA.

  6. C’erano due suore…
    Una era soprannominata Sorella Matematica (SM) e l’altra era soprannominata Sorella Logica (SL).
    Sta facendosi buio e le due suore sono ancora lontane dal convento.

    SM: Hai notato che un uomo ci sta seguendo da esattamente 38 minuti e mezzo? Mi chiedo cosa voglia da noi…
    SL: È logico. Vuole abusare di noi.
    SM: Oh, no! Di questo passo ci raggiungerà in 15 minuti al massimo. Cosa possiamo fare?
    SL: La sola cosa logica da fare è camminare più veloce.

    Poco più tardi…

    SM: Non sta funzionando…
    SL: Naturalmente non funziona. L’uomo ha fatto la sola cosa logica: ha cominciato a camminare più velocemente anche lui.
    SM: E allora cosa facciamo? Di questo passo ci raggiungerà in un minuto!
    SL: La sola cosa logica da fare è dividersi: tu vai da questa parte e io da quest’altra. Non può seguirci entrambe.

    Così l’uomo decide di seguire Sorella Logica.
    Sorella Matematica arriva al convento e comincia a preoccuparsi per Sorella Logica.
    Infine Sorella Logica arriva.

    SM: Sorella Logica! Grazie al cielo sei qui! Cosa è successo?
    SL: È successa la sola cosa logica: l’uomo non poteva seguire entrambe e così ha seguito me.
    SM: Sì, sì! Ma cosa è successo dopo?
    SL: La sola cosa logica: io ho cominciato a correre più veloce che potevo e lui ha cominciato a correre più veloce che poteva.
    SM: E?
    SL : Ed è successa la sola cosa logica: mi ha raggiunta.
    SM : Oh, signore! Cosa hai fatto?
    SL : La sola cosa logica da fare: mi sono alzata il vestito.
    SM : Oh, Sorella! Cosa ha fatto l’uomo?
    SL: La sola cosa logica da fare: si è tirato giù i pantaloni.
    SM: Oh, no! Cosa è successo dopo?
    SL : Non è logico, sorella? Una suora con il vestito alzato corre più veloce di un uomo con i pantaloni abbassati.

    E per quelli che pensavano fosse una barzelletta sporca,
    Subito 2 avemarie!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.

You can add images to your comment by clicking here.