Finirà l’era del consumismo?

Ma l’avete sentita la storia di quella donna inglese che è riuscita a vivere per un anno spendendo solamente una sterlina al giorno? (sì, è vecchia di settembre, lo so…)
Per i tempi in cui viviamo suona incredibile, anzi direi impossibile, eppure la storia sembra essere vera, visto che la notizia è stata ripresa da tutti i maggiori giornali; ed è una lezione importantissima!

Al giorno d’oggi, nonostante la crisi galoppante e le lamentele di tutti sull’aumento dei prezzi, io vedo ancora gente che spende e spande senza ritegno! Conosco personalmente coppie di amici che hanno fatto debiti per andare in vacanza, oppure che – cassa integrati, entrambi – preferiscono comprarsi un nuovo cellulare e rimanere a vivere nella loro catapecchia (forse sono io a non capire…)

Questa signora inglese – che si chiama Kath Kelly – è riuscita a vivere un anno, messi da parte i soldi per affitto e bollette – andando in bicicletta e facendo l’autostop, andando agli incontri pubblici organizzati in città (e approfittando del buffet), facendo la spesa al mercato in orario di chiusura (quando i venditori preferiscono svendere piuttosto che buttar via la merce), …

Faccio ancora fatica a capire come si possa vivere con solo 3000 lire al giorno, però è evidente che si può fare.

E da questo anno di vita all’insegna della frugalità, la signora Kelly non riesce più a riprendersi; nel senso che dopo aver passato questo periodo lontano dagli eccessi non è più capace di riprendere lo stile di vita “dispendioso” che aveva prima!

Sono contento di vedere che guarire dal consumismo è possibile, e allora mi chiedo: potremmo riuscirci anche noi? Dobbiamo proprio uscire a spendere 100 euro a botta per divertirci assieme agli amici, o potremmo anche cucinarci un bel chilo di pasta a casa e stare a chiacchierare fino all’una di notte, magari seduti sulle scale di casa?

Cos’è che ci rende felici?

Altri sono arrivati qui cercando:
era del consumismo.

2 pensieri su “Finirà l’era del consumismo?”

  1. In effetti non ci avevo pensato…
    Sull’articolo del Times è scritto che lavora part time come insegnante di inglese per stranieri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.

You can add images to your comment by clicking here.