L’argento colloidale: il super antibiotico

(ATTENZIONE: chi scrive non è un medico; prima di seguire terapie lette su internet consultate il vostro medico curante.)

Secondo le riviste scientifiche di tutto il mondo l’argento colloidale è un antibiotico a largo spettro molto efficace.
L’argento colloidale, privo di effetti collaterali, con una concentrazione soltanto di 5 milligrammi per litro, elimina, nell’arco di 4-6 minuti, ogni tipo di fungo, virus, batterio, streptococchi, stafilococchi e altri germi patogeni. Allo stato attuale delle conoscenze non è noto alcun tipo di batterio che non possa essere eliminato dall’argento colloidale.

Diversamente dagli antibiotici l’argento colloidale non indebolisce il sistema immunitario; tuttavia il business dell’industria farmaceutica, ampiamente più vantaggioso in termini di guadagno, con gli antibiotici sintetizzati in laboratorio fece arrestare prematuramente la marcia trionfale della ricerca sui colloidi.

La ricerca biomedica ha dimostrato che nessun organismo conosciuto per causare malattie (batteri, virus e funghi) può vivere più di qualche minuto in presenza di una traccia, seppur minuscola, di argento metallico. Un antibiotico, tanto per fare un paragone, uccide forse una mezza dozzina di differenti organismi patogeni, ma l’argento ne elimina circa 650. Inoltre i ceppi resistenti non riescono a svilupparsi quando viene usato l’argento, mentre per il nostro organismo è virtualmente atossico.

Secondo quanto affermato dal noto medico e biologo dott. R. Becker, tutti i microrganismi patogeni che sono già immuni agli antibiotici muoiono somministrando argento colloidale; il medico Larry C. Ford, del Dipartimento di Ostetricia e Ginecologia alla Scuola del Centro di Medicina delle Scienze per la Salute dell’Università californiana di Los Angeles, ha scritto “Le soluzioni d’argento sono antibatteriche per concentrazioni di 10 organismi per ml di Streptococcus pyogenes, Staphylococcus aureus, Neisseria genorrhoeae, Gardnerella, Vaginalis, Salmonella typhi e altri patogeni enterici, e funghicide per Candida albicans, Candida globata e M.Furfur.

Ovviamente, come tutte le cose, anche l’abuso o l’assunzione incontrollata di una sostanza come l’argento colloidale, ha delle controindicazioni; nel caso specifico la controindicazione prende il nome di argiria, e potete vederne i risultati nel video introduttivo.
Questa è causata dall’introduzione non misurata di argento nel metabolismo umano, probabilmente dovuta ad una produzione casalinga di argento colloidale, la quale ovviamente non permette di misurare con attenzione la quantità di argento che si va ad ingerire.

Generatore per la Produzione di Argento Colloidale
Il generatore di argento colloidale qui proposto è usato in Germania e Austria anche da medici e terapisti. Esso corrisponde perfettamente alle indicazioni date dal dott. Robert Beck.
Continua a leggere…
Uso Terapeutico dell'Argento Colloidale, Prezioso Antibiotico Naturale
L’argento colloidale è un antibiotico naturale capace di intervenire in maniera eccellente a sostegno del nostro sistema immunitario. Questo testo propone un aggiornamento unico in Italia sulla sua efficacia, terapie, utilizzo e applicazioni.

Link su internet: qui e qui

(i testi seguenti sono tratti da argentocolloidale.info, sito web non più raggiungibile)

Cos’è l’argento colloidale ionico?

L’attuale crisi del sistema sanitario e la sempre maggiore antibioticoresistenza dei microrganismi riporta all’attualità l’utilizzo delle proprietà dei colloidi, specialmente per quanto riguarda le molteplici possibilità terapeutiche dell’argento colloidale. In tutto il mondo gli agenti infettivi antibioticoresistenti causano vere epidemie. Infatti le malattie infettive si collocano al terzo posto come causa di malattia e di mortalità. L’argento colloidale ionico (ACI) è un prodotto di straordinaria efficacia, a spettro totale e privo dei limiti e degli effetti collaterali degli antibiotici di sintesi. Conosciuto da molto tempo in ambito medico alternativo per le sue speciali proprietà, è ricavato mediante un processo di elettrolisi. Il termine colloide d’argento indica una soluzione di particelle finissime di argento puro in sospensione in acqua distillata. Le particelle di argento hanno dimensioni inferiori a 0.005-0.015 micron. Gli ingredienti utilizzati sono: Acqua purificata, de-ionizzata, distillata, neutralizzata, bilanciata con strutture piramidali, con memoria zero. Ag puro 99.9999. Non è utilizzato alcun additivo chimico.

La ricerca biomedica ha dimostrato che batteri, virus e funghi muoiono già dopo qualche minuto in presenza anche di una minuscola traccia di argento metallico. Un normale antibiotico uccide forse una mezza dozzina di differenti organismi patogeni, mentre l’argento ne elimina addirittura 650. Inoltre i ceppi resistenti non riescono a svilupparsi quando viene usato l’argento, mentre per il nostro organismo è virtualmente atossico. L’ACI aiuta a ridurre le infiammazioni e favorisce la stimolazione della ricrescita dei tessuti danneggiati. È un rimedio per le infezioni. Favorisce un rapido risanamento. Preso giornalmente aiuta a rinforzare le naturali difese del corpo. Non si conoscono effetti collaterali o tossicità (non contiene sostanze chimiche). Può essere preso sia internamente sia per uso esterno. Ricordiamo che l’unica controindicazione all’ACI per uso esterno è costituita dall’allergia all’argento, dopodiché possiamo utilizzare l’ACI su qualunque parte del nostro corpo, effettuando toccature, instillazioni oculari e auricolari, e medicazioni di ferite con effetti che la migliore combinazione di antibiotici non otterrebbe mai.
Per le malattie della regione orofaringea (influenza, gengivite, ecc), esso è indicato per fare gargarismi. Può essere usato anche come collirio.
A livello oculare, nel caso di congiuntivite o altre infiammazioni, basta introdurne qualche goccia nell’occhio per alcune volte al giorno.

Altre possibilità sono: l’uso per via vaginale (lavande), rettale ed uretrale. Topicamente è indicato per malattie cutanee come l’acne, le verruche, le lesioni aperte, l’herpes, la psoriasi, le micosi del piede ed altre. In queste malattie la regione cutanea colpita può essere sfregata con una garza imbevuta di argento colloidale. Un altro metodo è quello di bagnare completamente la ferita con una garza imbevuta di argento colloidale (per esempio nelle verruche, nelle ferite da taglio, etc.) e coprire con un film plastico per evitare una rapida evaporazione. Siccome l’argento colloidale non irrita tessuti sensibili come la congiuntiva, è consigliato nelle urgenze nei casi di ferite da taglio, abrasioni ed ustioni, poichè favorisce la ricrescita di nuovo tessuto.

La storia dell’argento colloidale ionico

L’argento è un potente antibiotico naturale usato per migliaia di anni. Le proprietà mediche dell’argento erano già conosciute ai tempi dell’antica Grecia. Si era notato che nelle famiglie in cui si mangiava utilizzando utensili in argento, ci si ammalava difficilmente e le infezioni erano rare. Questa conoscenza si è tramandata tra Re, Imperatori, Zar, Sultani, tra i loro familiari e tra i membri di corte. Si mangiava su piatti d’argento, si beveva da coppe d’argento, si utilizzavano posate in argento, il cibo veniva conservato in contenitori d’argento e, nel tempo, piccole quantità d’argento si mescolavano ai cibi. Dopo una o due generazioni, i benefici dell’argento rendevano praticamente immuni a qualsiasi malattia infettiva. Questi lignaggi reali venivano chiamati “Sangue blu” per la caratteristica tinta bluastra del loro sangue, dovuta alle tracce minime di argento puro. La comune gente dal sangue rosso, invece, mangiava da piatti di terracotta utilizzando utensili di ferro e si ammalava spesso.

L’argento colloidale veniva utilizzato comunemente in America dalla fine del 1800 sino al 1938 e veniva prescritto per una grande varietà di malattie e infezioni. Non essendo disponibile alcun antibiotico come quelli in uso oggi, l’Argento Colloidale era utilizzato praticamente per tutto.
Il suo utilizzo fu interrotto nei primi del Novecento a causa degli alti costi di produzione e dell’avvento della penicillina e degli antibiotici, sicuramente più economici. Gli attuali processi di produzione dell’argento ne hanno permesso una diminuzione di prezzo ed hanno contribuito al suo ritorno tra i rimedi alla portata di tutti. La deficienza di argento nell’organismo si ripercuote, inoltre, sul corretto funzionamento del sistema immunitario.

Come conservare l’argento colloidale

In contenitori di vetro possibilmente scuri, o plastica PET, tenuti in una scatola o in un mobile, o coperto da carta argentata; lontano da apparecchiature elettriche o magnetiche (motori elettrici, altoparlanti, tubi catodici, quadri elettrici, forni elettrici) ed al riparo dalla luce ed a temperatura ambiente. Non mettere la soluzione né nel congelatore né nel frigorifero.
Evitare grandi variazioni di temperatura.

Caratteristiche dinamiche dell’argento colloidale

Ecco, in breve, le caratteristiche dinamiche dell’Argento Colloidale Ionico:

  • Uno dei migliori e più sicuri antibatterici generali conosciuti
  • Sicuro nell’utilizzo, anche su bambini
  • Non si sono registrate incompatibilità dell’uso con altri farmaci
  • Senza odore né sapore, sicuro anche per l’uso negli occhi e orecchie
  • L’organismo non sviluppa dipendenza o intolleranza.

Le esperienze di alcuni medici

Il ritorno dell’argento in medicina risale ai primi anni ‘70. Il dott. Carl Moyer, presidente del Washington Department of Surgery, ricevette un contributo per sviluppare migliori trattamenti per le vittime di ustioni. Il dott. Margraf, biochimico, lavorò con il dott. Moyer e altri chirurghi per trovare un antisettico abbastanza forte ma anche sicuro da usare su ampie parti del corpo. Il risultato dei loro sforzi fu quello di trovare centinaia di nuovi utilizzi medici per l’argento. Quella colloidale è l’unica forma di argento che può essere usata con sicurezza come integratore.
E’ assorbito nei tessuti lentamente così da non causare irritazioni, diversamente dal nitrato di argento, che, data la sua azione tossica, reagisce violentemente con i tessuti del corpo. Le particelle colloidali si diffondono gradualmente attraverso il sangue, fornendo un’azione terapeutica prolungata nel tempo. Molte forme di batteri, funghi e virus utilizzano un enzima specifico per il loro metabolismo. L’argento agisce come catalizzatore disabilitando l’enzima. I microrganismi in questo modo soffocano. Per le forme di vita primitive come i microrganismi, l’argento è tossico come i più potenti disinfettanti chimici. Non c’è alcun organismo nocivo che possa vivere in presenza di anche minuscole tracce di semplice argento metallico. Secondo test di laboratorio, batteri distruttivi, virus e funghi sono eliminati nel giro di pochi minuti di contatto.

Il dott. Bjorn Nordstrom, del Karolinska Institute, in Svezia, ha utilizzato per molti anni l’argento come trattamento per il cancro. Ha raccontato di aver guarito pazienti che erano stati abbandonati da altri medici perché considerati ormai incurabili. Il dott. Gary Smith, un medico ricercatore, sostiene che l’argento possa essere collegato al corretto funzionamento delle difese immunitarie del corpo.

Il medico Larry C. Ford, del Dipartimento di Ostetricia e Ginecologia della Scuola del Centro di Medicina delle Scienze per la Salute dell’Università californiana di Los Angeles, ha scritto che “le soluzioni d’argento sono antibatteriche per concentrazioni di 10 organismi per ml di Streptococcus pyogenes, Staphylococcus aureus, Neisseria genorrhoeae, Gardnerella, Vaginalis, Salmonella typhi e altri patogeni enterici, e funghicide per Candida albicans, Candida globata e M.Furfur“.

Il ricercatore biomedico Robert O. Becker, dell’Università di Syracuse, ha scoperto che “l’argento stimola profondamente la guarigione della pelle e di altri tessuti soffici, in un modo diverso da ogni processo naturale conosciuto, e uccide le più pericolose infezioni di tutti i tipi, inclusi i batteri e i funghi che ci circondano“. E conclude affermando che “abbiamo solo riscoperto che l’argento elimina i batteri, come si è saputo per secoli ….; quando furono scoperti gli antibiotici, venne smesso l’utilizzo clinico dell’argento come antibiotico”.

L’avversione della medicina ufficiale verso l’ACI dipende dagli interessi commerciali che questo va ad attaccare; infatti, esso può essere prodotto a costi irrisori e NON può essere brevettato. Per tale ragione, quanto scritto non è da intendere come prescrizioni mediche ma solo come consigli con informazioni relative all’uso pratico.

Chi usa l’Argento Colloidale Ionico ?

Ecco dove, nel mondo, si usa l’Argento Colloidale Ionico:

  • In Canada, Svizzera ed USA i medici utilizzano vari tipi di argento per curare molteplici infezioni.
  • Negli USA l’argento è usato nella chirurgia delle ossa.
  • Naturopati e omeopati usano l’Argento colloidale per il 70% degli ustionati gravi.
  • Anche nella medicina cinese, nell’ayurveda e nell’omoepatia i terapeuti usano regolarmente l’argento nei loro trattamenti.
  • In Svizzera i biochimici stanno studiando la capacità dell’Argento di interrompere la replicazione delle cellule HIV (AIDS) nei vari stadi.
  • La NASA utilizza un sistema di purificazione dell’acqua con argento sugli space shuttle, la stessa cosa la fanno i russi.
  • Le compagnie aeree Air France, Alitalia, British Airways, Canadian Pacific, Japan Air Lines, KLM, Lufthansa, Olympic, Pan Amaro Svedese, SAS e Swissair utilizzano filtri d’acqua in argento per circroscrivere le infezioni batteriche.
  • L’argento viene utilizzato spesso nelle piscine al posto del cloro.

Assunzione

Assumere giornalmente l’Argento Colloidale è come avere un secondo sistema immunitario. Allevia il carico del naturale sistema immunitario corporeo ed è efficace nel debellare le tante infezioni presenti nel corpo. Le donne in gravidanza e coloro che soffrono di allergie ai minerali devono assolutamente consultare il medico prima di assumere il prodotto.

Uso interno

L’Argento colloidale distrugge gli agenti infettivi con una piccola quantità e perciò è sufficiente un dosaggio minimo. Va assunto prima o dopo i pasti. Solo in caso di candida o infezioni intestinali sarebbe opportuno assumere l’ACI durante i pasti principali. Gli adulti ne possono assumere un cucchiaino (di plastica) al giorno, mentre per i bambini ne basta mezzo cucchiaino, per un periodo di circa 10-15 giorni. Per un miglior utilizzo, tenere l’ACI sotto la lingua per circa un minuto, poi deglutire. In fase acuta di una malattia è consigliabile assumerne via orale una piccola quantità ma più di frequente (ad esempio ogni 2-3 ore). Si consiglia, inoltre, di bere molta acqua per aiutare l’organismo a smaltire eventuali parassiti di vecchia data, ancora presenti nel corpo, attraverso l’intestino o i reni.

DISTURBI MINORI: tosse raffreddore, influenza, allergie, ecc.
Per gli adulti 3 cucchiai (di plastica) 3 volte al giorno; per i bambini 1 cucchiaio (di plastica) 3 volte al giorno.

MALATTIE GRAVI: tumore, aids, polmoniti, pleuriti, epatiti, infezioni delle vie urinarie, meningiti, ecc.
Da 1/2 bicchiere 3 volte al giorno a 1 bicchiere 3 volte al giorno.

In ogni caso è meglio farsi consigliare da un bioterapeuta.

Uso esterno

Applicare su verruche, herpes, psoriasi, acne e tutte le malattie cutanee, comprese le lesioni aperte come le ulcere. Ottimo anche per la disinfezione delle mani. Si possono mettere gocce negli occhi, per irrigazioni vaginali, anali, può essere atomizzato o inalato dal naso o attraverso i polmoni.

All’occorrenza, per esempio, in caso di sinusite o raffreddore è possibile versarne poche gocce all’interno di ogni narice, oppure nell’orecchio in caso di otite. In caso di ustioni o cicatrici è necessario versarne alcune gocce sulla parte colpita più volte al giorno per consentire la ricostruzione della cute.

In caso di mal di gola, placche, afte, stomatite, ecc. si possono fare sciacqui o gargarismi, mentre per irritazioni vaginali si può applicare sulla cute senza alcun rischio. Non interferisce con altri medicinali di sintesi o naturali. Per depurare l’acqua da bere è sufficiente versare circa 7-10 ml (mezzo cucchiaio da tavola) di argento colloidale in circa 3 litri di acqua. Attendere 5-6 minuti prima di utilizzarla.

Come preventivo

Durante il periodo invernale, per aumentare le difese immunitarie dell’organismo:
per gli adulti 1 cucchiaio (di plastica) 3 volte al giorno,
per i bambini 1 cucchiaino (di plastica) 3 volte al giorno.

In caso di nessuna o scarsa efficacia, le dosi possono anche raddoppiare senza controindicazioni.

Effetti collaterali?

Nessuno, ma è necessario assumere fermenti lattici per ripristinare la flora simbionte. La cosiddetta “Crisi di guarigione” che comporta astenia, spossatezza e indolenzimento ai reni, indica che l’ACI sta compiendo la sua opera e gli organi emuntori sono in elevata attività per smaltire il carico di “scorie” generate dalla disinfezione. Nel 1985 un tecnico di laboratorio che partecipava alla sperimentazione sull’ACI ha voluto fare da cavia per testarne il sovradosaggio, bevendo quattro litri di soluzione di argento colloidale ad alta concentrazione.

Il tecnico si sentiva più vigoroso, non ha avuto dolori e non ha più avuto influenze o infezioni per diversi anni. E’ molto importante notare che, a differenza dell’antibiotico tradizionale, l’argento non indebolisce il sistema immunitario ma, al contrario, lo rinforza. Questi dati scientifici sono stati ottenuti negli USA e sono reperibili tramite motore di ricerca su innumerevoli siti Internet.

Patologie curabili con l’argento colloidale

Quella che segue è una lista parziale di più di 650 patologie che sono state trattate con successo con l’argento colloidale:

Acne, artrite, ustioni, avvelenamento del sangue, appendicite, catarro, candida albicans, cancro, colera, congiuntivite, cistite, colite, difterite, dermatite, diabete, dissenteria, diarrea, difterite, eczema, emorroidi, fibrosi, gastrite, herpes, herpes zoster (fuoco di S.Antonio), gastrite, impetigine, infiammazione della cistifellea, infezioni da lieviti, infezioni oftalmiche, infezioni dell’orecchio, infezioni alla prostata, infezioni da streptococchi e stafilococchi, infezioni veriamente localizzate, influenza, problemi intestinali, lebbra, leucorrea, lupus, malaria, meningite, morbo di Lyme (borelliosi), oftalmia, pertosse, piede d’atleta, polmonite, poliomielite, pleurite, psoriasi, piorrea, reumatismi, riniti, salmonellosi, scarlattina, scottature e bruciature, seborrea, setticemia, tetano, tumori della pelle, verruche, sifilide, tubercolosi, tossiemia, tosse convulsa, tonsillite, tracoma, ulcere, verruche, supporto per l’aids, sindrome di affaticamento cronico, placca dentaria, gengivite, gengive sanguinanti, morso da zecche, otite media, alito cattivo, nevrastenia, malattie alle orecchie, micosi, raffreddore da fieno, ecc.

I primi benefici si hanno ad una settimana dall’inizio dell’assunzione; dal settimo giorno l’ACI si accumulerà nei tessuti in una concentrazione minima che va da cinque a sette parti per milione (5-7 ppm). Questa è la concentrazione efficace minima. I tessuti del corpo in cui è presente l’argento colloidale in una quantità che va da 5 a 7 parti per milione (5-7 ppm), saranno liberi da virus, funghi e batteri.

«Ogni tipo di fungo, di virus, di batterio, streptococchi, stafilococchi e altri germi patogeni sono eliminati nel giro di tre, quattro minuti. Non è noto in effetti alcun batterio che non possa essere eliminato dall’argento colloidale nel giro di massimo sei minuti (…).» (Health Consciousness)

Trattamento degli animali e delle piante

L’argento colloidale viene utilizzato anche in veterinaria sia per i mammiferi sia per gli uccelli e per i rettili, contro tutte le infezioni sia acute che croniche, per animali da compagnia, da lavoro e da reddito. L’ACI offre anche qui un’alternativa sicura ai costosi prodotti farmaceutici. L’argento colloidale è utile anche nell’orto, in giardino e per le piante d’appartamento, contro i microbi e parassiti. Basta semplicemente spruzzarlo diluito oppure annaffiare la pianta stessa. L’argento colloidale non ha alcuna efficacia contro vermi, bruchi ed insetti, ma ha effetti sulle loro uova, contribuendo a tenere sotto controllo le loro popolazioni.

altre info: disinformazione.it , Wikipedia (inglese)

Le informazioni fornite su questo sito sono di natura generale e a scopo puramente divulgativo. Non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico abilitato o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari (odontoiatri, infermieri, farmacisti, fisioterapisti, e così via). Anche se efficace su altre persone, l’ACI potrebbe non essere la soluzione corretta per i sintomi che avvertite, per la grande complessità di alcuni casi clinici. Nessuno può esser ritenuto responsabile circa i risultati o le conseguenze dell’utilizzo o tentativo di utilizzo di una qualsiasi delle informazioni o disinformazioni presenti. Nulla su questo sito informativo può essere interpretato come un tentativo di offrire o rendere un’opinione medica o di svolgere la pratica della medicina. L’ Argento Colloidale in Italia ed in altri Paesi non è registrato come farmaco ma ne sono consentiti l’uso e la libera vendita come integratore alimentare.

Altri sono arrivati qui cercando:
argento colloidale controindicazioni, argento colloidale wikipedia, argento colloidale, controindicazioni argento colloidale, argento colloidale raffreddore, argento colloidale indicazioni, www argento-colloidale info, argento colloidale spray, argento colloidale herpes, argento colloidale a cosa serve, antibiotici fatti in casa, argento proteinato wikipedia, antibiotico fatto in casa, argento colloidale wiki, argento colloidale per ascesso anale, marco anto@tiscalinet it mail, oro colloidale per le gengive, r morbo@tiscalinet it mail, afta gengivale e argento colloidale.

22 pensieri su “L’argento colloidale: il super antibiotico”

  1. Su richiesta di un amico, che mi ha letto l’articolo e ha chiesto di esperienze dirette, indico…

    “Ho sofferto di herpes genitale per circa 20 anni prima di scoprire l’argento colloidale; dopo averlo preso non ho più avuto sintomi, neanche uno. E ormai sono 4 anni” (fonte)

    “Ho iniziato ad usare l’argento colloidale regolarmente e così ho usato sempre meno spray per l’asma”
    “Da 8 mesi tutti in famiglia prendiamo l’argento colloidale e non abbiamo avuto mai raffreddore o influenza; questa stagione mio marito non ha sofferto di allergie. La nostra bimba di 8 anni soffre di asma e non usa l’inalatore da mesi” (fonte)

    …e per ultimo, un sito in inglese il cui nome dice tutto: verifiche scientifiche sull’argento colloidale

  2. Una cosa inaudita quello che è successo a mè un moscone ha scelto mè come balia delle sue larve che gli ho custodito e alimentato nella congiuntiva dell’occhio destro e dopo aver fatto numerose visite e speso uu mucchio di soldi tra visite colliri pomate e perfino gocce finte detto dall’oculista che le mie erano alterate ed ogni volta sottoposto a visita sembrava che volessero entrare nella mia pupilla con tutti gli attrezzi e compresa la testa del medico ed alla fine lo stesso verdetto callazio da asportare e tutti mi riempivano di medicine e niente ho subito anche una biopsia asportatomi un pezzo di congiuntiva ma è risultata esente da patologie tumorali o altro a riguardo e vistomi perso sono entrato in internet a cercare qualcosa che facesse al mio caso e senza sapere di che morte morire trovo l’argento colloidale non mi ha guarito ma mi è servito a lavare la parte interessata ed ad incatramare in un angolo congiuntivale quella porcheria che solo a ripensarci mi viene il vomito anche se ho navigato per 40 anni senza mai soffrire il maldimare e poi alla fine di un ennesima visita per l’asportazione del callazio ancora un pò la dottore ssa sviene per lo schifo che si è ritrovata ad operare ed essendo già cardiopatico e diabetico assumere altre medicine in aggiunta alla terapia giornaliera sarebbe stato ancor peggio ed invece grazie all’argeto fatto da mè con le monete americane è splendido ne faccio quanto ne voglio ed lo uso anche come colluttorio dopo il dentifricio e lo spazzolino e visto che sono alcuni anni di uso continuo e giornaliero e non avendo sintomi negativi riguardo all’uso continuo così basta non essere allergici al prodotto o dio miracoli non nè fà però aiuta il poverello louso per le ferite del diabete che tardano a guarire ,questo è il mio contributo e chiudo saluti

  3. L’Argento Colloidale anche di pessima qualità è pur sempre in grado di fare qualcosa di buono, ma quando è prodotto con un geratore di qualità, ad alta tecnologia e non un giocattolo fatto in casa, che impieghi elettrodi di ampie dimensioni e non monetine, che impieghi un alimentatore ad alta tensione, non tre pilette da 9 volt, che ha una movimentazione del liquido motorizzata come si deve, che abbia la funzione della inversione della polarità, che produca un AC di bassa densità cioè non più di 10 ppm….allora i risultati sono tutta un’altra cosa, dei veri miracoli, io ne ho visti molti, personalmente.

    Piero

    1. ciao piero.
      potresti far presente dove poter comperare juna macchina per la produzione casalinga di argento colloidale e quale puo’ essere il suo costo?
      grazie.

      1. ciao Marco,
        se leggi l’articolo di questa pagina, vedrai che si parla anche di un generatore di argento colloidale: costa circa 75 euro.

        1. Il generatore di Argento Colloidale Ionico che ho progettato e costruito io, mi è costrato oltre 6.000,00 € . Ne è valsa la pena. Produce prima di tutto acqua deionizzata ultrapura a 0.04 ppm e poi argento ionico mediante sei piastre di Argento 999 /1000 per un totale di 1.500,00 cm2 . funziona con tensione elevata, a impulsi controllati elettronicamente, movimentazione dell’acqua continua e inversione periodica di polarità. Il risultato, credo sia unico ed insuperabile. Delca Sas Torino

  4. Certo, volentieri.
    Frequento da sempre centri naturisti e persone aperte a medicine naturali ne conosco tante, molte di queste usano l’argento colloidale, ho avuto un problema di ipertrofia prostatica, il medico mi ha consigliato l’antibiotico, in principio qualcosa ha fatto ma poi peggiorava, l’antibiotico non funzionava più e doveva provare con un altro, e la situazione non faceva che peggiorare, nell’ambiente si incominciava a parlare dell’argento colloidale, l’ho provato e dopo una settimana ho incominciato ed avvertire i primi benefici, in capo ad un paio di mesi i sintomi sono scomparsi totalmente. Poteva essere un caso, ma ho incominciato a parlarne in giro ad altri che soffrivano dello stesso disturbo, molti hanno provato e tutti sono guariti completamente. Purtroppo i costi del prodotto erano alti allora ho saputo della ditta italiana Tecnosalute di Bologna, trovata nel sito argento-colloidale.info, si diceva che facesse dei generatori molto buoni per farselo da soli, l’ho comprato anche se non mi serviva più, però valeva la pena cmq di averlo in casa per farne ogni tanto da prenderne un po’ ad uso prevenzione, ho passato l’intero inverno senza raffreddore, tosse e bronchite,herpes labiale, mai successo prima, sono sempre stato molto delicato di polmoni ed il raffreddore è stato sempre un compagno costante per tutta la stagione fredda. L’ho portato al circolo dove lo facevo l’argento colloidale sempre più di frequente per tutti i soci per tanti disturbi, le mamme lo volevano per i loro bambini, anche loro passavano l’intero inverno in perfetta salute, sparivano velocemente cistiti, vaginiti, persino alcuni casi di epatite virale, il barista per una maledetta operazioncina da ridere si è beccato un batterio resistente agli antibiotici, i medici erano disperati, non sapevano più cosa fare, con l’argento colloidale è migliorato in pochi giorni, guarito completamente in un mese, mio padre infermo a letto da due anni con fra l’altro spaventose piaghe da decubito per le quali le cure dei medici non portavano che scarsi risultati sono guarite in pochi giorni, scottature orribili con pelle bruciacchiata sono guarite in pochi giorni con una miscela di Aloe Vera ed argento colloidale, una donna si è scottata una mano con l’acqua bollente, ha infilato subito la mano in una pentola con argento colloidale ed il resto acqua per un’ora e non si è nemmeno formata una vescica poi ha messo la miscela di Aloe Vera ed argento colloidale per tutto il giorno e la notte con la mano dentro in un sacchetto di plastica, al mattino era arrossata ma in perfetto stato. a distanza di un anno al circolo ben 20 famiglie hanno acquistato il generatore di argento colloidale e sono contentissimi di averlo fatto. Potrei continuare per tutta la notte, mi fermo qui per brevità.

    Piero

    1. Salve Piero, puoi scrivermi in privato ho bisogno del dosaggio dell’argento colloidale per problemi di prostata

  5. Ho intenzione di prendere l’aci per curare un ascesso gengivale e le conseguenti infezioni ma mi frena la notizia, non so se fondata, che la presenza di otturazioni sui denti ne precluderebbe l’uso. Posso conoscere il Vs. parere? grazie.Distinti saluti

    1. ciao vianmasci,
      personalmente potrei pensare che si tratti di una delle solite “notizie” di controinformazioni rilasciate dalle case farmaceutiche; quando un prodotto a basso costo, accessibile a tutti, come l’argento colloidale, si dimostra efficace per moltissimi malanni, è possibile che chi abbia da rimetterci tenti di screditarlo.
      Sempre personalmente, credo che inoltre non esista persona che non abbia almeno un’otturazione in bocca, e tra queste ci saranno pure quelli che prendono – con successo? – l’argento colloidale.
      🙂

  6. Ringrazio per la gaditissima risposta. Vorrei approfittare per chiedervi un altro parere. Ho letto più su di un forista che dichiara, tra l’altro, di usare una macchinetta per produrlo in proprio ( ma devo dire che sono completamente negato per il “fai da te”) e che sostiene che un buo aci non deve superare 10 pmm. Io dopo tanto navigare su internet ero riuscito a trovarne uno che sembrava fornirmi sicurezza, di 100 ml, del costo di € 19,00 ma con pmm 20 ( non indico la marca per correttezza). Vi prego di volermi aiutare dicendomi :
    1) il nome, se possibile, di un buon aci,
    2)) le modalità di assunzione sia per via orale sia per colluttorio.
    Aggiungo che ho fatto già 3 cicli quindicinali di antibiotici per curare un ascesso gengivale ma con scarsi risultati. Vi prego, aspetto con fiducia una vostra cortese risposta. Grazie di cuore

  7. ho un infezione alle vie urinarie da e.faecalis e in poco tempo mi sono bevuto 2 flaconi di crystal silver da 200ml, 4 flaconi da 250ml di MESOsilver, e ben 4 flaconi di SOVEREIGN silver da 240ml… i migliori prodotti di argento colloidale in comercio… ma non ho ottenuto nessun risultato e ho speso un pacco di soldi… dovevo prenderne di piu’??????

    1. Da quanto è scritto nel libro, l’argento colloidale si dovrebbe usare anche per i lavaggi… Di più non saprei dirti (non sono un dottore)

  8. ho scoperto da un mese l’ACI (Argento Colloidale Ionico)…e a quanto pare funziona sul serio..
    sono diabetico e soffro di paradontite-piorrea, è meno di un mese che uso l’ACI per l’igiene orale e sembra faccia i miracoli,
    sto abbandonando progresssivamente la clorexidina,per sostituirla totalmente all’ACI.

    avevo profonde infezioni subgengivali purulente a tratti, molto fastidiose perche mi infiammavano zone delicate della bocca, molti soldi spesi dal dentista per terapie di igiene, ma cmque le infezioni rimanevano.
    ora invece sembra migliorare a vista d’occhio, non grido vittoria perchè cmque sono portato ad avere piorrea, per cui se abbandono la terapia, almeno adesso peggiora, ma bisogna continuare, bagnate lo spazzolino con l’aci, inoltre bisogna usarlo bagnando gli scovolini per l’igiene interdentale, e come colluttorio,inoltre sto provando a fare microiniezioni fra gengiva e radice dentale nei punti piu ostici dove c’è la sorgente dell’infezione, dove il dentista dovrebbe aprire con chirurgia. e sembra guarire,

    ora ho acquistato un generatore semiprofessionale, vi farò sapere come andrà…sono ancora un novello

      1. Io utilizzo l’ACI da me autoprodotto con strumento della Tecnosalute di Ferioli da 4 anni. Mai fatto acquisto migliore …
        Posso però consigliarti di guardare il sito http://www.filosofialimentare.it per risolvere anche il problema del diabete… con il solo uso sapiente del comune cibo quotidiano il Dr. Lemme ti saprà sicuramente aiutare… io non ero diabetica… ma soffrivo di astenia… da 5 anni tutto questo è un ricordo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.

You can add images to your comment by clicking here.