Staminali dal pesce zebra

E’ lungo tra i tre e i cinque centimetri, è affusolato e deve il suo nome, zebrafish o pesce zebra o Danio rerio o Danio zebrato, alle strie orizzontali gialle ben visibili sul fondo nero-bluastro. Il piccolo pesce sta acquistando sempre maggiore importanza per lo studio delle cellule staminali, tanto che l’Insubrias Biopark ha acquistato 36 vaschette di pesce zebra per approfondire la ricerca in tale ambito.
Lo zebrafish è un organismo modello nella ricerca biologica perché l’animale, poco esigente e di facile mantenimento in vasca, si riproduce con notevole frequenza con più di 200 uova per ciascuna deposizione, e ció permette di disporre rapidamente di un gran numero di esemplari.

Inoltre, la trasparenza delle uova fecondate e degli embrioni, che si formano in sole 72 ore dalla fecondazione, è tale da rendere evidenti tutte le fasi dello sviluppo embrionale, per cui il pesce zebra è usato come modello in studi sulla biologia dello sviluppo. Una caratteristica dell’animale è, inoltre, la capacità di rigenerare spontaneamente il tessuto del cuore, quando asportato parzialmente o danneggiato.

Il pesce zebra rappresenta solo uno dei filoni di ricerca sui quali si articola l’accordo siglato tra Fondazione Istituto Insubrico di Ricerca per la Vita (Fiirv), polo di ricerca medico-scientifica di Gerenzano con sede all’Insubrias Biopark, e gruppo San Donato Foundation, fondazione nata per alimentare e sviluppare la ricerca. Gsd Foundation, gruppo ospedaliero privato, sta investendo nella ricerca traslazionale, in particolare presso i due Istituti Scientifici che fanno parte del Gruppo, ovvero il Policlinico San Donato, per le malattie cardiovascolari, e l’Istituto Ortopedico Galeazzi, per le malattie dell’apparato locomotore.

L`accordo, di almeno ventiquattro mesi, prevede lo sviluppo congiunto di progetti di ricerca traslazionale che utilizzino al massimo le potenzialità di ricerca di base dell’Insubrias Biopark e di ricerca clinica della Fondazione San Donato. Al centro degli studi – oltre allo zebrafish e allo cellule staminali – vi sono patologie tumorali e autoimmuni, malattie cardiologiche, ortopediche e connesse all’apparato locomotore. FIIRV e GSD Foundation potranno partecipare congiuntamente a programmi di ricerca nazionale e internazionale, e inoltre accedere alle rispettive strutture e attrezzature oltre alla formazione – da parte del Gruppo San Donato – di due operatori dell’Insubrias Biopark sulle linee cellulari antitumorali.

I libri che trattano l’argomento “cellule staminali” (clicca qui)

fonte http://salute.aduc.it/notizia/staminali+dal+pesce+zebra_113924.php

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.

You can add images to your comment by clicking here.