Nebraska, sconfitti i tentativi di vietare la ricerca sulle staminali embrionali

Con quattro voti favorevoli e quattro contrari, la University of Nebraska Board of Regents ha respinto, per ora, una campagna per imporre nuovi limiti alla ricerca universitaria sulle cellule staminali embrionali. L’esito della votazione è stata in dubbio fino all’ultimo momento.

La libertà di ricerca si è salvata grazie ad un membro del Board che ha cambiato opinione poco prima del voto nonostante fosse stato sostenuto da gruppi anti-aborto durante la sua campagna elettorale (il Nebraska è tra quei pochi Stati in cui i membri dei Board universitari sono eletti con voto popolare).

I rappresentanti dei docenti e degli amministratori avevano chiesto al Board di respingere i limiti, basati su quelli fissati dal presidente George W. Bush nel 2001. Molti professori temevano che questi limiti avrebbero spaventato i migliori talenti e indotto alcuni ricercatori di alto livello a cercare lavoro altrove.

Le restrizioni proposte “avrebbero limitato la nostra capacità di salvare vite umane e migliorare la qualità della vita e avrebbero avuto un impatto negativo sulla capacità dell’università di reclutare e trattenere i migliori docenti”, ha detto JB Milliken, il presidente del sistema universitario statale, intervistato subito dopo il voto.

Milliken ha detto che il voto permetterà all’università di continuare a fare ricerca, ma si è anche detto convinto che i gruppi religiosi continueranno probabilmente a promuovere campagne simili per limitare la libertà accademica. “Tocca a coloro che sostengono questa ricerca informare gli elettori del Nebraska circa i suoi benefici”, ha detto.

I libri che trattano l’argomento “cellule staminali” (clicca qui)

fonte: http://salute.aduc.it/notizia/nebraska+sconfitti+tentativi+vietare+ricerca+sulle_114060.php

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.

You can add images to your comment by clicking here.