Insufficienza renale: attenti ai gatti

L’insufficienza renale è una degenerazione lenta, graduale e irreversibile della funzionalità renale. E quando i reni, il cui compito è quello di depurare il sangue dalle sostanze tossiche di rifiuto, non funzionano bene, le tossine si accumulano nell’organismo del gatto e provocano i sintomi tipici della patologia.

Dunque, se vi accorgete che il gatto beve molto e fa tanta pipì, se il suo pelo diventa opaco, se mangia poco, se è debole e apatico o vomita spesso portatelo subito dal veterinario per una visita di controllo.
Anche perché quando i sintomi si manifestano, in genere la malattia è ormai già ad uno stadio avanzato.

Il trattamento

Nella maggior parte dei casi, la cura prevede la somministrazione giornaliera di un ACE inibitore, per rallentare la progressione della malattia e migliorare la qualità di vita del gatto. I farmaci dovranno essere dati quotidianamente e per tutta la vita dell’animale.
Superati i 7 anni di età e, in ogni caso, con gatti predisposti o con precedenti malattie renali, è necessario un cambio di dieta.

Occorre, infatti, ridurre al minimo il sovraccarico renale, eliminando un eccessivo apporto di proteine. Per i gatti abituati all’alimentazione casalinga, è opportuno sostituire la carne rossa con pollo o tacchino, ma in commercio esistono prodotti (definiti in generale “senior”) caratterizzati da un basso apporto proteico ideali per prevenire, o tenere sotto controllo questo disturbo.

link di interesse: insufficienza renale , ACE inibitore

fonte: Optima salute

Altri sono arrivati qui cercando:
gatto fa tanta pipì.

Un pensiero su “Insufficienza renale: attenti ai gatti”

  1. Pingback: » Insufficienza renale: attenti ai gatti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.

You can add images to your comment by clicking here.