Fai del bene? Hai un secondo fine!

Ieri sera ho pubblicato sul mio profilo Facebook una notizia che mi pareva bella, ma non tanto importante da finire sul blog: un benefattore paga 10 mila euro per i bambini di una scuola che non pagano la mensa, ed io ho messo il link alla lettera che accompagnava la donazione.

Uno dei miei “amici” ha commentato così la cosa:
“Si bella trovata per andare in tutti i giornali…. vediamo se tra un pò salta fuori che azienda ha …!!! solite cazzate all’italiana.. se faceva una donazione anonima era diverso..”
(sì: “pò” è scritto con l’accento)

Quindi gli ho fatto notare che effettivamente il donatore era anonimo.
…ed il mio “amico” ha ribattuto: “Si credeghe…” (cioè: “credici”)

Allora io penso: ma com’è sta storia?
Automaticamente, quando fai del bene, in Italia, lo stai facendo con un secondo fine?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.

You can add images to your comment by clicking here.