Energie alternative buttate nel cesso /2

Vi ricordate delle auto elettriche che funzionavano perfettamente ma che sono state distrutte?

Ecco un altro “slide show” che parla dell’argomento: auto elettriche, auto ad idrogeno, auto ad acqua… tutte energie alternative e non inquinanti che non stiamo ancora usando in massa!
Perché?
Per continuare a foraggiare i portafogli delle lobbies del petrolio!

FATELO GIRARE!!!

Altri sono arrivati qui cercando:
stanley meyer wikipedia, stan meyer wikipedia.

7 pensieri su “Energie alternative buttate nel cesso /2”

  1. L’auto che va ad acqua? Si può fare
    Motore elettrico, con 1 litro si viaggia un’ora a 80 km /h. Chiesto il brevetto per avviare lo sviluppo

    OSAKA – Ah se le auto potessero viaggiare ad acqua invece che a benzina benzina! In molti ci hanno pensato, specie di questi tempi, con i prezzi dei carburanti schizzati a livelli sempre più alti. Detto e fatto. La società giapponese Genepax ha depositato la domanda per ottenere il brevetto di un motore elettrico alimentato ad acqua. Qualsiasi tipo di acqua: dolce, salata o piovana. Se una inovazione del genere diventasse una realtà produttiva e di consumo sarebbe una vera rivoluzione. E in tempi di prezzi alle stelle per il petrolio una notizia come questa, naturalmente, ha una risonanza mondiale. Anche se dall’ideazione alla sua traduzione industriale il cammino è ancora lungo.

    UN LITRO – Kiyoshi Hirasawa, amministratore delegato della Genepax, in un’intervista a una tv locale giapponese ha detto che il motore, con un solo litro di acqua, sarebbe in grado di far viaggiare un’auto per circa un’ora alla velocità di 80 km all’ora. «Non c’è bisogno di costruire un’infrastruttura per ricaricare le batterie, come avviene di solito per la maggior parte delle auto elettriche», ha aggiunto Hirasawa. Il motore funziona grazie a un generatore che la scompone l’acqua e la utilizza per creare energia elettrica. Hirasawa ha ammesso però che l’applicazione pratica non è nel futuro immediato e spera che il brevetto sia di interesse delle grandi case automobilistiche giapponesi. Serve ancora una fase di sviluppo e bisogna sperare che almeno uno dei grandi produttori creda in questa prospettiva. Anche perché al momento i progetti fanno in direzione opposta: motori a cellule di idrogeno che producono acqua nel processo, e non che la consumano. Lì i produttori hanno investito ingenti capitali. Avranno il coraggio di puntare e scommettere su un motore che utilizza il carburante più diffuso sul pianeta?

    fonte: http://www.corriere.it/scienze_e_tecnologie/08_giugno_13/auto_acqua_giappone_13212016-3932-11dd-acb4-00144f02aabc.shtml

  2. Ragazzi aprite gli occhi!!!!!!!!! Gia da tempo in America un signore che non era neppure laureato, parlò a tutte le televisioni locali e nazionali dicendo: la mia auto va ad acqua! La cosa suscitò molto scalpore e stupore all’epoca. Con delle piccole modifiche che ho apportato alla mia auto senza neppure essere un ingegniere, sono riuscito ad alimentarla ad acqua.Come mai non ci sono arrivate le case automobilistiche con anni ed anni di studio di settore alle spalle ed ingegneri, programmatori, meccanici non ci sono mai arrivati??? Gli offrirono più di un milione di dollari per vendere il brevetto che lui rifiutò…….e pochi tempi dopo tragicamente quest’uomo mori!!! E delle auto ad acqua non se ne senti più parlare. Perchè ??? Perchè le industrie petrolifere con quelle farmaceutiche hanno in mano le retini del potere e del controllo mondiale!!!

  3. dimenticate da dire nell filmato che 60% del prezzo benzina raprezenta tasse governamentali,allora prima di manifestare contro le societa petroliere dobiamo protestare contro i nostri governanti

  4. il motore a idrogeno è una bufale messa ingiro per distrarre la gente dai veri problemi in quanto il motore a idrogeno è anti economico ed ecco perchè:
    2 molecole di H2 e 1 di O2 se bruciate producono 2 molecole di H2O(acqua) in una reazione iper energetica e quindi in abbondanza di H2 si avrebbe un ottimo combustibile ma l’H2 è rarissimo sulla terra e l’unico modo per ottenerlo è dall’aqua ma l’energia per scindere l’H2O è pari o superiore a quella che produce bruciando per via della fisica che limita al pari l’energia richiesta e l’inefficenza intrinsecamente entropica di ogni macchina che fa salire il conteggio.ergo per ottenere l’idrogeno serve più energia di quella che ricavi bruciandolo ergo è un processo inutile tranne nei razzi dove l’altissimo calore sprigionato lo rende perfetto per raggiungere la velocità di fuga grazzie al fortissimo retrogetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.

You can add images to your comment by clicking here.