Vitamina C contro il fumo passivo

L’assunzione di vitamine riduce i danni ossidativi dovuti al tabacco.
La vitamina C può contribuire a prevenire i danni causati dal fumo passivo. Lo sostiene uno studio su 67 non fumatori esposti al fumo di tabacco, che ha mostrato che coloro che assumevano giornalmente 500 milligrammi di vitamina C presentavano livelli più bassi di un composto associato al danno provocato dal fumo passivo.

Lo studio non è durato abbastanza per stabilire se coloro che assumevano la vitamina C erano meno a rischio di sviluppare un tumore o una malattia cardiaca. Tuttavia Marion Dietrich, l’epidemiologia della nutrizione dell’Università della California di Berkeley che ha guidato la ricerca, ritiene i risultati molto incoraggianti: “Dimostrano che la vitamina C può aiutare a proteggere i non fumatori dal danno ossidativo causato dal fumo passivo”.

In un articolo pubblicato sulla rivista “Nutrition and Cancer”, Dietrich e colleghi scrivono di aver studiato i livelli di F2-isoprostani generati attraverso una forma di stress ossidativo chiamata perossidazione lipidica che può danneggiare la membrana cellulare e formare placche che bloccano le arterie.

I 67 volontari sono stati divisi a caso in tre gruppi. Uno dei gruppi assumeva ogni giorno 500 mg di vitamina C. Il secondo assumeva vitamina C, vitamina E e acido antiossidante alfa-lipoico (ALA). Il terzo gruppo riceveva solo capsule di placebo. Dopo due mesi, rispetto al terzo gruppo, nel primo gruppo i livelli di F2-isoprostani nel sangue erano calati dell’11,4 per cento e nel secondo gruppo del 12 per cento.

“I risultati di questo studio – spiega Gladys Block, una delle ricercatrici – ovviamente non significano che, assumendo vitamina C, non ci sono problemi a fumare o a essere esposti al fumo altrui. Ma se ci si trova in una situazione in cui non si può fare a meno di subire una frequente esposizione al fumo passivo, potrebbe essere utile assumere supplementi di vitamina C come misura precauzionale. E inoltre, come sempre, mangiare molta frutta e verdura”.

fonte: http://www.lescienze.it/index.php3?id=7735

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.

You can add images to your comment by clicking here.