A far bene si fa male?

Ora vi riassumo una storia…

Il mio amico Mr.X viene chiamato dalla DITTA Z per fare un colloquio di lavoro.

Mr.X in quel momento non sta cercando un nuovo lavoro – anzi, sta bene con quello che ha – e oltretutto sa che Mr.Y, un suo amico disoccupato con 2 figli piccoli, ha mandato un curriculum alla DITTA Z con richiesta di assunzione

Decide allora di declinare l’offerta della DITTA Z e li chiama dicendo “So che avete il curriculum del mio amico Mr.Y … vorrei mettere una buona parola a suo favore”.

Passa un mese e la sicurezza lavorativa di Mr.X cambia, tanto che pensa di richiamare la DITTA Z chiedendo se stanno ancora cercando qualcuno per quel posto.
La DITTA Z lo invita per il colloquio.

Il colloquio però, per 9/10 del tempo, si trasforma in una lavata di capo da parte del titolare nei confronti di Mr.X, perchè Mr.Y è andato là vantandosi del fatto di sapere che Mr.X aveva “messo una buona parola”, e Mr.Z voleva proprio vedere che faccia aveva questo Mr.X che “si fa bello con gli amici mettendo buone parole”.

Epilogo: Mr.X si è bruciato un nuovo posto di lavoro ancora prima di inziare a cercarlo, tentando di fare un piacere ad un amico bisognoso.

E ora vi chiedo: la morale è che “a fare del bene ci si rimette sempre”?

O forse è perché quando si fa del bene lo si fa con un secondo fine?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.

You can add images to your comment by clicking here.