Archivi categoria: macintosh

Impostare scorciatoie da tastiera in OsX

Avevo la necessità di impostare una scorciatoia da tastiera – o keyboard shortcut – il Illustrator, su Macintosh osX, per richiamare uno script esterno.

In generale, questo sistema può funzionare per diversi programmi (non solo per Illustrator) e vi permette di creare il vostro set personalizzato di scorciatoie da tastiera per velocizzare le operazioni più frequenti.

Si sa che Illustrator, almeno fino alla versione CC 2015, è ostico per questo genere di automatismi: non permette di assegnare shortcut per il lancio di script esterni, bensì bisogna sempre usare il menù dell’applicazione.

Per fortuna ho notato che gli script vengono ed eseguiti anche se lanciati fuori da Illustrator; infatti se dal Finder clicchiamo su uno script ed indichiamo di aprirlo con Illustrator, questo si esegue correttamente.
Inoltre osX è molto duttile quando si tratta di questo genere di cose: abbiamo Automator e abbiamo i Servizi (o ‘Services‘).

Continua a leggere

Come convertire FLAC in MP3

Convertire da FLAC a MP3

Vi siete scaricati illegalmente dei file audio con estensione FLAC e ora non sapete cosa farci?

Volete convertire uno o molti file FLAC in MP3??

Se usate Mac OsX, il programma più semplice in assoluto che ho scovato in rete per convertire file FLAC in file MP3 si chiama MAX.

Max è un’applicazione per la creazione di file audio di alta qualità in vari formati, da CD o file.

Nel il ripping da CD Max offre il massimo in termini di flessibilità per garantire il vero suono del CD. Max offre un ripper velocissimo e senza correzione degli errori per il ripping audio di massima qualità. Funziona egregiamente anche in casoo di CD danneggiati.

Una volta che l’audio è estratto, Max in grado di creare file audio in oltre 20 formati compressi e non compressi, tra cui MP3, Ogg Vorbis, FLAC, AAC, Apple Lossless, WavPack, Speex, AIFF e WAVE.

Continua a leggere

Automator: copia data e ora

Automator: data e ora

Problema: in azienda arrivano continuamente nuovi prodotti da codificare, e bisognava trovare un sistema, usabile da chiunque, per generare nuovi codici, univoci, con un buon margine di sicurezza.

Soluzione: usare come codice il “momento” in cui esso viene creato.

Quindi, sfruttando il timestamp unix e Automator, ho creato una piccola app che, quando avviata, copia negli appunti la data e l’ora in cui l’app è stata avviata, nel formato aammgghhmmss (anno, mese, giorno, ore, minuti, secondi).

Esempio: questo articolo avrebbe il codice 160510205055.

In questo modo abbiamo anche dei codici “parlanti”, che possono essere letti anche da un umano per scoprire il momento in cui il lavoro è stato svolto.

In questo modo è abbastanza sicuro che chiunque avvia questa app, ovunque si trovi, non lo faccia contemporaneamente ad un altro collega (almeno non nello stesso preciso secondo), e questo crea un buon margine per essere sicuri di non usare un codice più d’una volta.

Continua a leggere

Password random su OsX

Osx Random Password

Sempre per la serie “Automatizza che ti passa” ecco come, su Mac OsX, crearsi la propria utility per la generazione di random password casuali.

Utile in ogni momento della giornata, dal caffè della colazione al tramezzino pomeridiano, questa brevissima sequenza costruita con Automator genera una stringa random partendo dal hash md5 della data corrente, e tagliandone 8 caratteri.

Io però uso questo per dare dei nomi univoci a file che altrimenti non saprei come differenziare, visto che dopo 100 foto di fragole la fantasia nel nominarli stava svanendo!

Continua a leggere

Altri sono arrivati qui cercando:
archivio php educational free utility varie cooking.

Show Desktop in OsX

Come mostrare la scrivania di OsX come si fa in Windows

Recentemente ho iniziato ad usare Windows – invece del Macintosh – molto più spesso di quanto facessi prima e mi sono accorto di quanto comoda è la scorciatoia da tastiera per la quale premendo CTRL+ALT si può navigare tra le applicazioni/finestre aperte, come si fa da sempre anche sul Macintosh.

La cosa in più rispetto al Mac è che si può arrivare fino al desktop, nascondendo contemporaneamente tutte le altre applicazioni.
C’è perfino il pulsantino apposito!

La trovo una cosa molto comoda, riproducibile per vie traverse anche in OsX, ma non con la stessa rapidità.

In OsX puoi impostare un tasto funzione od un angolo dello schermo per spostare momentaneamente TUTTE le finestre aperte, e mostrare solo la scrivania, ma non è la stessa cosa.

Ho per fortuna trovato una soluzione anche a questo.

Continua a leggere