Ma il pane e la pasta veramente costano di più?

I giornali ed i giornalisti dicono proprio quello che vogliono! …oppure quello che qualcun altro vuole che si dica!!

Avrà ragione Beppe Grillo, quando dice che l’informazione è pilotata e ormai l’unica vera informazione indipendente è quella che si trova in internet?

Io non lo so… Io sono empirico: guardo ai fatti.
Sì, d’accordo c’è crisi, ma guardiamo in faccia le cose.

Personalmente, quando sento al telegiornale “pane, pasta e benzina sono saliti” mi par di sentire nominare la Santissima Trinità, ma non è così! Il pane e la pasta sono ben altra cosa rispetto alla benzina.

Per il pane e la pasta c’è un’offerta vastissima di produttori e venditori; basta per esempio andare alla COOP per scoprire che il pane fresco lì costa 1 euro al chilo, mentre hanno pure una marca di pasta “low cost”che costa meno di 40 centesimi al pacco.
Certo, non è la rinomata pasta trafilata al bronzo ecc. ecc., ma basta cuocerla qualche minuto in meno e la cottura te la tiene pure quella!

La benzina invece è distribuita – almeno da noi in Italia – da un piccolo manipolo di monopolisti, che (qui lo dico e qui lo nego) sicuramente hanno fatto cartello sui prezzi; infatti non c’è via di scampo! Al massimo, cercando il distributore giusto, si riesce a risparmiare 1 o 2 centesimi al litro, a fronte di un prezzo di 1,50 euro!

Quindi è inutile che mi vengano a dire che pane & pasta sono aumentati come la benzina! Possono continuare a ripeterlo, ma il lavaggio del cervello non riusciranno a farmelo!

2 pensieri su “Ma il pane e la pasta veramente costano di più?”

  1. Bravissimo. A parte che tutto il tuo blog è una fonte di conoscenza fantastica, quindi ti rigrazio di questo. Questo post, in particolare mi dimostra che sei uno dei tre o quattro “non pecoroni” che vivono in Italia (si qui?!?).

    Comunque penso che il vero motivo epr cui ci fregano i monopolisti è che non siamo consumatori organizzati in forti unioni. E non siamo organizzati perchè non crediamo che la solidarietà porti a qualcosa di utile. E non lo crediamo primo perchè siamo “uniti” come italiani solo dal 1848, e manco ci crediamo poi tanto. E poi c’entra anche la “cultura cattolica”. Siamo abituati a pensare che “ci pensa Dio”, “Dio vede e provvede”, “la Giustizia di Dio arriva dove quella degli uomini non arriva”, e cose del genere. Senza voler esprimere un giudizio religioso (ossimoro?) un Nazione che per cultura pensa che ci sia un ordine superiore, e che poi per “aggiornamento sociale” diventa consumista, è in cattive acque per definizione: da una parte non ha il senso di “aiutati che dio t’aiuta” per organizzarsi spontaneamente, perchè conta troppo sull’aiuto di Dio e troppo poco sulla collaborazione tra gli uomini, e dall’altra si a-moralizza, allontanandosi dai valori religiosi per penetrare i più opulenti godimenti del consumismo.

    Eccoci qua: un terreno perfetto di conquista per capitani d’azienda senza scrupoli e conquistadores stranieri (e i nomi non li ho fatti). Come se n’esce? Facendo come te…. pensando con la propria testa e parlando chiaro.

    Bravo!!

  2. Caro Alessio, ti ringrazio davvero tanto per i complimenti e per il commento costruttivo!
    Aggiungo alla tua nota relativa al fatto che “non siamo consumatori organizzati in forti unioni” un’altra novità venuta dal governo a favore dei consumatori: le poche cooperative di consumo che ci sono in Italia ora andranno ad essere colpite da 3 misure presenti nel decreto fiscale di giugno, commi da 25 a 28, articolo 82.

    1.
    Le coop a mutualità prevalente che presentano un prestito sociale superiore ai 50 milioni pagheranno il 5% dell’utile netto a favore del fondo di solidarietà per i meno abbienti.
    2.
    La tassazione sugli interessi del prestito sociale passa da 12,5% a 20%.
    3.
    Il prelievo fiscale passa da 30% a 55%.

    Tutto questo, ripeto, “a favore” delle cooperative di consumatori!
    EVVIVA!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You can add images to your comment by clicking here.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.