Evil client

Tempo fa un amico, a cui avevo fatto i bigliettini da visita a prezzo di favore, vede bene di ricambiarmi il favore e gentilmente mi manda una vecchia signora che ha un’impresa immobiliare.

– Salve, mi ha dato il suo numero il sig. X, devo stampare i bigliettini da visita.
– Perfetto, non c’è problema. Ha il logo? Sì, bene, me lo fa mandare via email. Le mando intanto il preventivo, e visto che è amica del mio amico le farò un prezzo di favore.

Le mando il preventivo con indicate misure, caratteristiche di carta & stampa, quantità e prezzo, ed intanto passano i giorni…

– Salve, ho visto il preventivo, ok, lo accetto, mi faccia i bigliettini con le correzioni che le farò avere via email.
– Perfetto, non c’è problema. Le manderò la bozza.

Mando una bozza in PDF con una scaletta millimetrata, in modo che una volta stampata sia chiara la dimensione; la bozza ovviamente è a colori, con il logo che mi hanno mandato loro (nemmeno l’ho toccato perché era perfetto per l’uso). Ed intanto passano i giorni…

– Salve, mi ha stampato i 1000 bigliettini?
– Salve signora, no non li ho stampati perché sto aspettando la conferma scritta, ed anche se il preventivo indicava chiaramente “pagamento all’ordine” non pretendo nemmeno questo perché è amica del mio amico, e mi accontenterò del pagamento alla consegna. Le ricordo comunque i tempi di produzione, indicati nel preventivo, di 7 giorni circa
.

Mi manda il “visto si stampi” è vado in stampa. Intanto passano i giorni, arriva il momento della consegna e…

– Ma perché mi ha stampato il logo marrone? Il nostro logo è rosso!
(al che mi mostra un orrendo biglietto fotocopiato su carta da fotocopie, che potrebbe leggerlo anche un cieco da quanto spessore lascia la parte stampata)
– Signora, io ho stampato il logo che mi avete mandato voi; non so quale sia il colore che stampavate prima, ma il file che mi avete mandato è di quel colore che adesso vede nei biglietti.
– Ah, si, beh, mah… ok.

Mi paga e se ne va. Intanto passano i giorni – 2 settimane – e lei ritorna…

– Guardi che i biglietti che mi ha fatto sono troppo grandi e non entrano nel mio porta-biglietti.
– Salve signora, guardi che nel preventivo & nella bozza era indicata la misura, che lei non mi ha mai fatto un appunto del genere prima della stampa, e che la misura che ho fatto è uno standard carta di credito.
– Beh, potrebbe tagliarmeli, così riesco a metterli nel mio porta-biglietti.
– Beh, bisogna vedere se ci stiamo con i margini…

(intendevo “margini grafici”)
– AH! Intende dire “se ci stiamo coi soldi”?!
– No, per i soldi bastano 10 euro; intendevo i margini grafici.
– Beh, allora si vede che ho fatto male a non andare a farmeli stampare dove andavo di solito! Prima il colore, adesso la dimensione, …

Al quindi le suona il cellulare, lei si mette a parlare per i fatti suoi e se ne va in maniera maleducata, ed io la lascio nel suo brodo, felice del fatto che – per fortuna – mi abbia già pagato, e dentro di me la mando a farseli stampare in quel posto.

Mi piacerebbe tanto sapere se succedono solo a me o se qualcuno di voi ha storie simili da raccontare… Ne avete?

2 pensieri su “Evil client”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You can add images to your comment by clicking here.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.