Archivi categoria: Tutorial

Dividere PDF A3 in A4

Dividere PDF A3 in A4 pagine singole

Situazione: avete in mano un PDF di un giornale o una rivista, con le pagine affiancate incollate assieme, e volete dividerle in pagine singole.

Può essere la scansione di un giornale o di una rivista – scansionata aperta sullo scanner – oppure lo studio grafico ve lo ha fatto così, esportandolo dal programma di origine con le pagine affiancate.

Per comodità voi preferireste avere il PDF con le pagine non affiancate, ma con le pagine singole separate fra loro; magari perché volete stampare una pagina solamente, o per 10 altri motivi.

Continua a leggere

Altri sono arrivati qui cercando:
dividi pdf a meta sejda.

Password random su OsX

Osx Random Password

Sempre per la serie “Automatizza che ti passa” ecco come, su Mac OsX, crearsi la propria utility per la generazione di random password casuali.

Utile in ogni momento della giornata, dal caffè della colazione al tramezzino pomeridiano, questa brevissima sequenza costruita con Automator genera una stringa random partendo dal hash md5 della data corrente, e tagliandone 8 caratteri.

Io però uso questo per dare dei nomi univoci a file che altrimenti non saprei come differenziare, visto che dopo 100 foto di fragole la fantasia nel nominarli stava svanendo!

Continua a leggere

Root su Mac

Mi è capitato di tentare di recuperare il backup di una cartella da Time Machine, e di ricevere invece un brutto messaggio di errore:

“Non posso completare l’operazione perché non disponi dei privilegi necesari per accedere a …”

C’è da dire che sul mio mac ho un unico utente, che è l’amministratore, quindi dove sta il problema?

Va beh, mi sono armato di pazienza ed ho cercato la soluzione, che consiste semplicemente nel loggarsi come ‘root’ ed effettuare da lì il ripristino del backup desiderato.

Ok, ma come faccio a loggarmi come root?

L’utente root o superutente, è un account utente particolare di OS X che può modificare e eliminare file di sistema critici. Di default, l’utente root non è abilitato.
Per loggarsi come root bisogna prima abilitare la cosa…

Continua a leggere

Inoltra file

script-per-spedire-email-dragNdrop

Per la serie “Automatizza …che è meglio” eccomi qua stavolta addirittura con un AppleScript!

Si tratta di uno scriptino che crea una app che prende un file e lo spedisce via email al destinatario predefinito, il tutto con un semplice drag’n’drop del file da spedire.

Se ci buttate sopra una manciata di file, il programma farà un’email per ogni file.

Come al solito, questo tipo di programmi è utile più che altro quando si ha molto a che fare con operazioni ripetitive.

Se, come me, dovete spesso spedire un file al solito indirizzo, scrivendo poco o niente, questo vi consente di risparmiare qualche decina di secondi ogni volta.

Aprite il vostro AppleScript editor, copiate il codice seguente e salvate il tutto come applicazione.

Continua a leggere

OsX hot folder

Per la serie “Usa Automator che ti passa” ecco un’altra piccola applicazione che mi sono fatto per il lavoro.

Un altro dei compiti ripetitivi che mi ritrovo a fare ogni giorno è quello di esportare dei file dal programma “X” verso la cartella “Y”, per poi rimetterli dentro una nuova cartella con nome “Z” da mettere dentro un altra cartella “A” che viene monitorata dall’altro programma “B”.
Una cosa ripetitiva alla nausea!

Per essere specifico fino all’inutilità, vi dirò anche che nel dettaglio si tratta di una parte del flusso di pre-stampa a cui sono addetto. Il RIP Fuji XMF mi sputa fuori i file TIF rasterizzati delle separazioni dei fogli macchina; io devo prenderli, metterli in una nuova cartella nominata secondo il numero di commessa lavoro, e spostare la cartella in questione in una hot-folder monitorata da un programma che a quel punto elabora i file (che devono essere considerati insieme) per creare un output che sarà usato nella macchina da stampa per regolare i calamai.

Allora ho preso Automator ed ho creato un semplice flusso che mi chiede semplicemente il nome da dare alla nuova cartella da creare e poi si arrangia.

Come sempre un’immagine vale più di mille parole…

Continua a leggere